Progetti in reteScuola e formazioneRegistratiHome page

 

 






IMPIANTI

 

Home Avanti

Interruttori differenziali e limitatori di sovratensione
nei sistemi TT
(1/3)

1. Generalità


Quando si installano i limitatori di sovratensione occorre, in relazione al sistema di distribuzione (TT, TN ,IT), tener conto dello schema di collegamento a terra adottato, del punto di installazione rispetto ai dispositivi di protezione contro i contatti indiretti e della necessità di assicurare, nei limiti del possibile, la continuità del servizio. Nei sistemi di distribuzione TT, dove per la protezione contro i contatti indiretti si utilizza prevalentemente l'interruttore differenziale, si rendono necessarie alcune considerazioni per quanto concerne la modalità di installazione, a monte o a valle, delle protezioni contro le sovratensioni (SPD Surge Protective Device ). Le sovratensioni possono infatti determinare l'intervento inopportuno del dispositivo differenziale e, in alcuni casi, comprometterne definitivamente il funzionamento.

2. Interazione fra SPD e interruttore differenziale

Un interruttore differenziale installato a monte degli SPD potrebbe intervenire intempestivamente essendo attraversato dalla corrente impulsiva, rilevata dal dispositivo come una corrente di dispersione, che si scarica a terra per mezzo dell' SPD (fig.1).

Fig. 1 - Il differenziale collocato a monte rispetto agli SPD potrebbe intervenire intempestivamente perché è attraversato dalla corrente impulsiva che si scarica verso terra attraverso gli SPD.

L'interruzione indesiderata del circuito potrebbe essere evitata se si adotta lo schema di fig. 2 con il dispositivo differenziale installato a valle degli SPD. Questa soluzione evidenzia però un problema se l'SPD si danneggia, ad esempio a causa dell'invecchiamento dei componenti, e collega verso terra un conduttore di fase o di neutro. La protezione contro i contatti indiretti viene a mancare se, estinta la sovratensione, l'SPD non ripristina l'originario isolamento verso terra e si stabilisce una corrente susseguente. Si tratta di una corrente a 50 Hz, sostenuta dall'impianto elettrico utilizzatore in bassa tensione, che fluisce nell'SPD dopo il passaggio della corrente di scarica e che potrebbe rendere inefficiente la protezione contro i contatti indiretti.

Fig. 2 Il dispositivo differenziale installato a valle degli SPD non è influenzato dalla corrente impulsiva che si scarica verso terra attraverso gli SPD ma, se non si ripristina l'isolamento verso terra, potrebbe venire a mancare la protezione contro i contatti indiretti.

continua...

Inizio pagina

 

Prodotto da Elektro 2000

Diritti sul Copyright