Progetti in reteScuola e formazioneRegistratiHome page

 

 

 







IMPIANTI

 

IndietroHome Avanti

Quadri elettrici di bassa tensione
(3/4)

La targa e le istruzioni per l'installazione e l'uso

Ogni quadro deve possedere una targa sulla quale devono essere riportate in modo permanente le principali informazioni tecniche. Deve essere indicato necessariamente:

  • il nome o il marchio di fabbrica del costruttore;
  • il tipo o numero di identificazione o altro mezzo di identificazione che permetta di ottenere dal costruttore tutte le informazioni fondamentali;
  • la data di costruzione;
  • la norma EN 61439-X dove la parte X deve essere identificata in relazione al la norma di prodotto applicabile al tipo di quadro .

Sulla targa deve essere obbligatoriamente stampigliato, in modo permanente, nome o marchio di fabbrica del costruttore che si assume la responsabilità del quadro.

Ulteriori indicazioni, alcune, in relazione al tipo di quadro, solo quando applicabili, devono essere fornite nella documentazione tecnica che accompagna il quadro (eventualmente riportate anche in targa):

  • tensione nominale ( U n );
  • tensioni nominali di impiego dei circuiti ( U e );
  • tensione nominale di tenuta a impulso ( U imp );
  • tensione nominale di isolamento ( U i );
  • corrente nominale del quadro ( I n );
  • corrente nominale di ogni circuito ( I nc );
  • corrente nominale ammissibile di picco ( I pk );
  • corrente nominale ammissibile di breve durata ( I cw );
  • corrente nominale di cortocircuito condizionata ( I cc );
  • frequenza nominale ( f n );
  • fattore nominale di contemporaneità ( RDF );
  • grado di protezione ( grado IP );
  • protezione contro l'impatto meccanico ( grado IK );
  • grado di inquinamento;
  • modi di collegamento a terra;
  • installazione all'interno e/o all'esterno;
  • quadro fisso o movibile;
  • utilizzo da parte di persone istruite o comuni ;
  • classificazione della compatibilità elettromagnetica ( EMC );
  • condizioni speciali di servizio;
  • configurazione esterna (es. quadro chiuso, aperto, ad armadio, a banco, ecc..) .;
  • tipo di costruzione, esecuzione fissa o con parti asportabili;
  • misure di protezione addizionali contro lo l'elettrocuzione;
  • dimensioni esterne e peso (se superiore ai 30 kg)
  • tenuta al cortocircuito e natura dei dispositivi di protezione contro il cortocircuito

In figura 5 è riportato un esempio di targa sulla quale sono riassunte sinteticamente le principali informazioni.

Figura 5 Esempio di targa con informazioni minime

Il costruttore deve riportare su cataloghi o su documenti che accompagnano il quadro le eventuali condizioni per un adeguato e corretto trasporto, una corretta installazione e messa in servizio e le istruzioni per un regolare funzionamento e una adeguata manutenzione.

Oltre a questo si devono precisare le eventuali misure da adottare per quanto concerne la compatibilità elettromagnetica relativamente all'istallazione, al funzionamento e alla manutenzione. All'interno del quadro devono poter essere identificabili i singoli circuiti ed i loro dispositivi di protezione.

 

Verifiche di progetto

Le verifiche di progetto, eseguite su di un prototipo per dimostrare la conformità alla normativa vigente, possono essere superate applicando uno o più dei metodi indicati dalla norma. Tali metodi, fra loro equivalenti ed alternativi, consistono in prove, calcoli, misure fisiche o conferma delle regole di progetto . La norma specifica quali caratteristiche possono essere verificate con i metodi previsti (tabella 2).

 

  • Limiti di sovratemperatura
  • Tenuta al cortocircuito
  • Distanze d'isolamento in aria e superficiali
  • Effettiva continuità nel quadro per guasti esterni
  • Grado di protezione degli involucri
  • Compatibilità Elettromagnetica (EMC)
  • Tensione di tenuta ad impulso
  • Installazione degli apparecchi di manovra e dei componenti
  • Circuiti elettrici interni e collegamenti
  • Terminali per conduttori esterni
  • Robustezza dei materiali e parti del quadro:
  • Resistenza alla corrosione
  • Stabilità termica dei materiali isolanti
  • Resistenza dei materiali isolanti al calore normale
  • Resistenza dei materiali isolanti al calore anormale ed al fuoco che si verifica per effetti interni di natura elettrica
  • Resistenza dei materiali isolanti alla radiazione ultravioletta (UV)
  • Sollevamento
  • Impatto meccanico
  • Marcatura
  • Effettiva continuità della messa a terra tra le masse del quadro ed il circuito di protezione
  • Tensione di tenuta a frequenza di esercizio
  • Funzionamento meccanico

 

Calcoli

Prove

Regole di progetto

 

Tabella 2 Elenco delle verifiche di progetto
per esaminare le caratteristiche di un quadro

 

Continua...

Inizio pagina

Prodotto da Elektro 2000

Diritti sul Copyright